Quale terapia è consigliata per dolore e "vertigini "da artrosi cervicale in un uomo di 70 anni?

valentina

Gentili dottori terapisti, mio marito soffre di dolore al collo e di sensazioni forti di squilibrio.Quest'ultimo è stato provocato da una manovra effettuata dal medico fisiatra durante la visita, circa 10 gg fa. La risonanza mostra un quadro tipico di sofferenza del tratto cervicale ,non grave. Lui è molto depresso per lo squilibrio, anche se a vedersi cammina correttamente. Abitiamo a Roma est ,vicino villa Gordiani. Cerco quindi un fisioterapista per iniziare gli esercizi di postura e che abbia esperienza anche delle vertigini ds cervicale.
grazie mille.

2 risposta degli esperti per questa domanda

Buongiorno Valentina,

Normalmente in casi come questo effetuo un trettamento manuale e fisico.

Manualmente eseguo mobilizzazioni ed esercizi terapeutici, al bisogno le manovre di liberazione per vertigini. A livello fisico utilizzo lo Scenar (Neuro-modulatore) per problematiche vascolari, neurali e metaboliche. Ovviamente prima di iniziare parleremo a fondo di cosa e successo e di tutti i sintomi, effettueremo test ed una seduta di prova per vedere se posso esservi d'aiuto. Il mio studio è in Via dei Durantini 144-146. Potete contattarmi al 347.1325955. Sono il Dtt. Mirko S. Laquidara.

Buona serata ed in bocca al lupo per tutto.

La base della testa, con la prima vertebra cervicale hanno un equilibrio meccanico molto delicato, visto la presenza di muscolatura preve che stabilizza i movimenti della testa stessa, durante le rotazioni in particolar moso. il problema relativo all'equilibrio è dato daalo stress delle fasce interne e esterne di collegamento tra gli orecchi, il cervelletto, nell' area di dieetro in bassso della testa e l'innervazione alta, che è troppo eccitata; inoltre posso dire con certezza che la depressione in questa situazione, ha pure un origine neurofisiologica per l'azione del nervo vago. il mio trattamento, effettuabile una volta al mese a domicilio, è finalizzato a ripristinare la buona mobilità dell'area, una desensibilizzazione agli stimoli che danno disagio e al miglioramento dell'umore. Prevede tecniche manuali di contatto e manipolazione leggera per testa collo e l'integrazione delle nuove sensibilità nella postura globale, anche con una utilizzazione e apprendimento di tecniche respiratorie adeguate.