Elenco fisioterapisti Milano (Lombardia)

risultati 1 - 10 di 60 Fisioterapisti

Esiste il “miglior fisioterapista a Milano”?
Quando si ha bisogno di un fisioterapista due sono le ipotesi: può essere consigliato da qualcuno o bisogna cercarlo e solitamente lo si fa online. Tra le parole più digitate su Google in questo caso c’è “miglior fisioterapista” seguito dalle diverse città italiane. Ma esiste davvero? In realtà non esistono parametri universali per stabilire chi sia il migliore. Come scegliere allora il fisioterapista a cui affidarsi? Proviamo a fare chiarezza e dare qualche suggerimento, partendo da questo elenco. 

Scopri come riconoscere un professionista competente ed affidabile.

Verifica: iscrizione all’albo e specializzazioni del fisioterapista

Prima di prenotare la visita dal fisioterapista verifica che sia iscritto/a all’Albo pertinente. Richiede una manciata di secondi ed è una garanzia per la tua salute. Basta collegarsi al sito ufficiale dell’Aifi (Associazione Italiana Fisioterapisti), cliccare sulla voce Cittadini, Fisioterapisti Aifi ed inserire il nominativo del professionista. Se la ricerca non dà risultati, hai evitato di cadere nelle mani sbagliate. Ricorda inoltre che la fisioterapia è un campo vasto e che per ogni problema/patologia è necessario rivolgersi al fisioterapista adeguato. Se ad esempio soffri di mal di schiena hai bisogno di una figura specializzata in rieducazione posturale globale e non di un fisioterapista neurologico. Vuoi semplificare la tua ricerca? Usa il nostro portale: hai a disposizione una lista di fisioterapisti ufficialmente abilitati con le relative specializzazioni.

L’importanza della valutazione funzionale

Solitamente si arriva nello studio del fisioterapista già con una diagnosi o una prescrizione medica. Un buon fisioterapista prima di passare alla terapia deve effettuare la valutazione funzionale. Raccoglie prima tutte le informazioni in merito ai problemi fisiologici e patologici del paziente, la sua storia individuale e familiare. Subito dopo osserva i pazienti in statica e dinamica richiedendo l’esecuzione di alcuni movimenti, visita i distretti corporei interessati ed esegue misurazioni o test clinici. In questa fase può richiedere ulteriori accertamenti clinici come radiografie, risonanze etc. Dopo aver compreso quale sia il problema deve inoltre valutare se la fisioterapia è la strada giusta da seguire per la guarigione. Può capitare infatti che la terapia più adeguata possa essere un’altra (es. intervento chirurgico). Un fisioterapista professionale in questi casi rimanda alle figure adeguate.

Strumentazione ed aggiornamento

Il fisioterapista deve essere sempre aggiornato sulle nuove tecniche e terapie e dotare il suo studio di strumentazioni all’avanguardia. Se il fisioterapista ricorre a tecniche obsolete e macchinari datati sta risparmiando su aspetti fondamentali che hanno conseguenze dirette sulla tua salute.

Cura il dolore e ne trova la causa

Un buon fisioterapista non cura soltanto il dolore ma trova la causa da cui ha origine. Inoltre educa il paziente affinché anche dopo la terapia sia in grado di mettere in atto buone pratiche per evitare che il problema si ripresenti. Diffida da fisioterapisti che operano in modo diverso, eviterai di perdere soldi e tempo prezioso per la tua salute.

Aggiungiamo a 4 consigli altri due aspetti: la capacità di creare una buona relazione con i pazienti e l’onestà (dal preventivo chiaro e trasparente alle fatture).

Se hai bisogno di un fisioterapista, segui la nostra guida per trovare la persona giusta a cui affidare la tua salute.