L'artrosi all'anca

Anche la presenza di un conflitto femoro-acetabolare è ritenuto uno dei possibili fattori predisponenti.

L' indagine radiografica aiuta ad evidenziare alterazioni e dismorfismi, tuttavia, considerando che gran parte dei soggetti asintomatici presenterebbero evidenze radiografiche, la valutazione deve focalizzarsi sul quadro dei sintomi, mediante intervista al paziente e somministrazione di specifici test muscolari ed articolari.

Il dolore è fortemente correlato al grado di disabilità ed è, a sua volta mediato da fattori psicologici individuali.

Nella Coxartrosi esso si manifesta nelle aree anteriore e laterale dell' anca; viene esacerbato da ogni attività in carico (ad esempio: camminare, salire e scendere le scale, i passaggi posturali) e caratterizzato da rigidità al mattino fino ad un' ora dopo il risveglio, limitazione dell' articolarita'  soprattutto nei movimenti di flessione ed intrarotazione rispetto all' arto sano e deficit muscolari del gruppo degli abduttori.

Una delle situazioni che più frequentemente predispongono ad un quadro pre-artrosico nell' anca è l' impingement femoro-acetabolare. Possiamo definirlo come quella condizione per la quale la testa ed il collo femorale impattano sistematicamente contro il cercine acetabolare durante determinati movimenti dell' anca dentro o fuori del suo range fisiologico.

Anche in questo caso il sintomo prevalente è il dolore, con localizzazioni alle aree inguinale, trocanterica e glutea, con possibili irradiazioni all' arto inferiore.

Spesso è preceduto da una sensazione di blocco transitorio ed è possibile avvertire un "click" proveniente dall' anca.

Con il protrarsi di questa disfunzione di natura meccanica, si determina un' usura degenerativa del cercine e della giunzione condro-labrale.

Il paziente tipo è giovane, nella fascia tra i 20 ed i 40 anni, con una prevalenza stimata intorno al 10-15%.

Trattasi di sportivi in età agonistica, impegnati in attività ripetitive ad alto impatto articolare e/o soggetti dotati di una eccessiva escursione oltre il range fisiologico (lassità articolare).

In letteratura, il trattamento conservativo studiato e suggerito è una combinazione di adeguato trattamento fisioterapico e di modifica degli atteggiamenti posturali e delle modalità di esecuzione delle attività quotidiane e sportive.

Il trattamento conservativo dell' Artrosi di Anca nel paziente adulto, ma anche il contrasto di quelle dinamiche che determinano impingement femoro---acetabolare nella fascia di età dai 20 ai 40 anni, mediante tecniche di Terapia Manuale e soprattutto di Esercizio Terapeutico, somministrati da Fisioterapisti qualificati, è di provata efficacia nel perseguire gli obiettivi di riduzione del livello di limitazione nelle attività motorie, contrasto del sintomo dolore ( spesso con risultati migliori rispetto ai farmaci) e miglioramento della funzione cardiocircolatoria e del tono dell' umore.

Per approfondimenti ed ulteriori informazioni, puoi contattarmi dal mio link su questa piattaforma.

 

commenta questa pubblicazione

Sii il primo a commentare questo articolo...

Accedi o Registrati per inserire un commento