Domande e risposte

leggi tutte le domande
Lesione adduttore

Buonasera a tutti, e ringrazio tutti gli esperti che hanno risposto alla mia domanda qualcje mese fa, di cui al seguente link (vi prego di prenderne visione). https://www.fisioterapia-online.it/fisioterapia-riabilitazione/fisioterapia-sportiva/domande-fisioterapista/lesioneadduttore.html Come da mia precedente domanda (si vedano dettagli al link) l' anno scorso ho subito una lesione muscolo tendinea zona adduttore. La lesione è stata molto importante (dettagli nella precedente mia domanda al link). Facendo seguito a vs molti e utili consigli, mi sono rivolto ad un fisiatra il quale mi ha prescritto 4 sedute (1 a settimana) di onde d'urto, di cui l'ultima il 22 giugno. Le mie domande sono: - 70 € a seduta secondo voi è nella norma?- sento ancora una piccola proturberanza al tatto (la calcificazione), sicuramente molto più piccola. Sento ancora fastidio e non riesco ancora a calciare, ma il fisiatra ha detto che gli effetti dell'ultima seduta si protraggono e agiscono fino a 6 settimane. Corretto? Devo seguire altre terapie? Che esercizi posso fare per ri-acquisire forza e tonicità in quella zona? Faccio passare prima il dolore? Ringrazio anticipatamente per la vs disponibilità a condividere la vs esperienza e resto in attesa di un gentile riscontro. Saluti,

3 risposte
Infortunio durante una partita (calcio)

Buonasera a tutti , volevo raccontarvi il mio infortunio , due anni fa durante una partita faccio un movimento brusco (scatto) sento come se mi si lacerasse qualcosa nel tendine dell adduttore lungo , non mi fermo e continuò la partita pure con il dolore , la sera avevo dolore e sopratutto delle fitte Sovrapubiche quando tossivo e starnutivo, decido di fare un ecografia ma non esce nulla in merito a lesione tendinea , perplesso da tutto ciò faccio una risonanza ma niente , forse per incompetenza del radiologo , comunque nel arco dei due anni faccio migliaia di esami e mi visitano migliaia di dottori , stanco di tutto ciò ripeto tutti gli esami da zero , e in ecografia emerge Pregressa lesione giunzionale e inserzionale con calcificazione dell adduttore lungo di 6 mm , ad oggi come sintomi ho tendine dolorante se contraggo ad esempio la palla tra le ginocchia ma con il passare delle ripetizioni il fastidio diminuisce, e se porto il busto in avanti mi sale una fitta nel pube , volevo sapere voi di tutto ciò cosa ne pensate , un mio dubbio che mi portò dietro e se quando ho sentito quella lacerazione ho avuto una lesione completa del tendine dall inserzione. Grazie in anticipo

2 risposte
Lesione Adduttore

Buongiorno, sono un ragazzo di 31 anni, sportivo e allenato. A fine settembre dell'anno scorso (2019) dopo 3 partite di campionato di calcio (su sintetico - ruolo centrocampista) sento un affaticamento sulla zona inguinale destra. Dunque, decido di fermarmi e riposare per 2 settimane. Riprendo a fine ottobre, ma durante una partitella di allenamento sento una forte sensazione sulla suddetta zona (come quando si staccano due cose che vanno ad incastro). Esame ecotomografico del 5 novembre: PRESENZA DI ALTERAZIONE STRUTTURALE DEL TENDINE E DELLA GIUNZIONE MIOTENDINEA DEGLI ADDUTTORI; LA LESIONE E' CARATTERIZZATA DALLA PARZIALE DISCONTINUITA' DEI FASCI TENDINEI E DA AREA OVOIDALE (4CM) IPOECOGENA DISOMOGENEA DEI FASCI MUSCOLARI CON FALDE FLUIDE INTRAFASCIALI. IL REPERTO DESCRITTO E' DA RIFERIRE A LESIONE PARZIALE - SUBTOTALE TENDINEA E MIOTENDINEA DEGLI ADDUTTORI. Comincio con 20 giorni di magnetoterapia, seguiti da altri giorni di tecarterapia + elettro fino a metà gennaio cessando, ovviamente, ogni tipo attività sportiva. Secondo esame ecotomografico del 24 gennaio: ASPETTO ARROTONDATO DELL' INSERZIONE DEL MUSCOLO ADDUTTORE LUNGO, CON ASSOCIATA SOTTILE FALDA FLUIDA ADIACENTE, COME PER LESIONE DISTRATTIVA INSERZIONALE, GIA' NOTA E VEROSIMILMENTE IN FASE DI RIPARAZIONE. PRESENZA DI CALCIFICAZIONE DI 6 MM IN CORRISPONDENZA DELLA FASCIA MUSCOLARE SUPERFICIALE Ora siamo al 10 aprile e sono passati 6 mesi. Sicuramente va meglio, ma ancora sento dolore nel movimento di addurre e in più sento al tatto un rigonfiamento semi-duro. Sono molto preoccupato. Avrei dovuto prendere altre precauzioni? C'è rischio di una cronicità? Potrò tornare a giocare? Mi scuso per essermi prolungato, ma ho cercato di essere il più chiaro possibile. Fiducioso in un cortese riscontro, cordialmente saluto.

10 risposte
Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.