Fitte dolorose in corrispondenza di movimenti verso l esterno del braccio sinistro

Giovanni

3 mesi fa dopo essermi stata diagnosticata la sindrome della bandelletta ho interrotto completamente l'attività sportiva. Correvo anche 4 volte alla settimana. Dopo un mese e mezzo mi sono svegliato una mattina e da quel giorno (sono passati quasi due mesi) ho le stesse identiche fitte molte dolorose che partono da dietro la spalla e proseguono per tutta la parte esterna del braccio.

3 risposte degli esperti per questa domanda

Buongiorno, a volte possono capitare delle compensazioni ipertoniche che portano delle rigidità e delle compressioni anche in tratti lontani da quelli di una patologia pregressa.

in questo caso è fondamentale un'analisi posturale e biomeccanica globale, che normalmente effettuiamo sempre prima di elaborare il piano di trattamento individualizzato per il paziente in modo da essere più risolutivi possibile, nel minor tempo possibile.

Se lo vorrà potrà fissare un appuntamento chiamando la nostra segreteria.

Qui i nostri risultati:https://www.fisioterapia-roma.it/recensioni/

A presto

Gentilissimo Giovanni

dalla descrizione dei sintomi non si può consigliare alcuna terapia fisica o manipolativa. Tuttavia si dovrebbe saper se è un dolore costante, intermittente, a ciclo diurno e/o notturno quindi se esclusiylegato al movimento oppure a riposo. La valutazione fisioterapica di palpazione della scapola la fa da padrona...

tuttavia se i sintomi non recedono bisogna consultata il medico di famiglia, ed iniziare con un esame del sangue ad ampio spettro (non fa mai male) poi eventualmente una eco alla spalla e una rx cervicale. In assenza di dati amnestici è solo una perdita di tempo affrontare il quesito clinico. saluti dal team FISIOMEDTrapani

Buongiorno Giovanni,è un po complicato risponderle in quanto la sua descrizione è troppo vaga..ad ogni modo le consiglio di andare da un collega per essere valutato da vicino e poter individuare con esattezza l origine e la natura del problema.i sintomi da lei descritti possono dipendere sia da squilibri muscolari che da una tendinite.In entrambi i casi occorre una terapia adeguata e diversa a seconda che si parli di muscoli o di infiammazione tendinea..vada con fiducia da un fisioterapista senza aspettare che il dolore peggiori.

Cordiali saluti